Il primo concerto in Scozia

Una settimana lunga e difficile, densa di appuntamenti: ecco perchè non siamo riusciti a scrivere prima sul blog.

In ogni caso, non è stata la settimana migliore: me l’aspettavo, prima o poi una botta all’entusiasmo sarebbe dovuta arrivare.. avete a presente quelle giornate in cui capita un po’ di tutto e sempre in direzione contraria alla vostra? Tipo: state a casa a mandare i curricula e c’è il sole… dovete uscire per andare a lezione e inizia a diluviare in quel momento… appena arrivate, zuppi fradici, fa capolino il sole, che dura tutta la durata della lezione… ma naturalmente la pioggia ritorna ad accompagnarti lungo tutto il tragitto. E poco importa se prendete l’autobus, perchè ovviamente il tempo conosce le vostre arguzie e vi segue imperterrito per bagnarvi appena può!
Eheh scherzo, ma gli esempi sui momenti no della scorsa settimana potrebbero durare a lungo… oggi che è lunedi ed è iniziata una nuova settimana, devo dire che le cose sono andate già molto meglio e quindi sono molto più ottimista sul futuro.

Ieri sera invece io ed Eleonora siamo stati al primo concerto in terra d’Albione. Per l’occasione abbiamo scelto un cantante non molto conosciuto ma che a noi piace molto, in particolare per l’ultimo suo album, John Grant.

John Grant ieri sera all'Opera's Hall di Edimburgo

John Grant ieri sera all’Opera’s Hall di Edimburgo

Poco prima di partire per Edimburgo avevamo scoperto che avrebbe suonato giusto appena partiti a Bologna. Eh, son cose che succedono. Ma quando il giorno dell’intervista in radio Gianluca mi aveva avvisato che c’era il suo concerto qui, il pomeriggio stesso ho preso i biglietti e direi che ho fatto benissimo. Il posto dove ha suonato, l’Opera’s Hall di Clerk Street, è un posto molto carino e dove nulla viene lasciato al caso.. ho contato qualcosa come 20 casse disseminate qua e la, ma probabilmente me ne sono persa qualcuna.. insomma, l’acustica era ottima, così come le luci, il locale era della dimensione giusta e nessuno spingeva. Ma parliamo del pezzo forte, ossia della musica. Mi aspettavo molto da John Grant e non ha tradito affatto le attese, anzi! Ma la vera sorpresa sono stati il gruppo spalla, un complesso (si usa ancora questa parola?) di giovani islandesi che ci ha lasciato letteralmente senza parole. Il loro nome è Asgeir Trausti e presto uscirà il loro cd in inglese, nel frattempo mi sono comprato la versione in islandese con tanto di firma.

Ieri sera non ero in veste di fotografo ma di semplice appassionato. Avevo bisogno di capire come ci si muove qui e poi ho visto troppo tardi il concerto per poter prendere contatto e chiedere l’accredito… tutta esperienza… nel compenso, mi sono “divertito” ad armeggiare con la mia piccola Lumix, poco ingombrante ma molto utile, per fare qualche foto senza valore (una l’avete vista poche righe più sopra) e il video di una delle canzoni di John che più mi piacciono… peccato solo non possiate sentire il calore di un pubblico che ha sorpreso me ed Eleonora, così come gli ottimi Gianluca e Gloria.

Lo posto qui, sperando che non vi dispiaccia.

A presto!!!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s